Google annuncia il nuovo sistema operativo: Android P

Si conoscevano già alcune funzioni che sarebbero apparse sul nuovo sistema operativo targato Google ma dopo l’evento dedicato, conosciamo meglio quelle che saranno le nuove funzioni di Android P, il nuovo sistema operativo (o meglio il nuovo aggiornamento) del robottino verde.

Ieri è ufficialmente iniziato il Google I/O 2018, l’evento dedicato agli sviluppatori e ai giornalisti della casa di Mountain View “Big G”. Durante l’evento si è parlato anche delle nuove funzioni relative al prossimo rilascio di Android P , aggiornamento che arriverà nei prossimi mesi.

Android P Google

Tra queste nuove funzionalità di Android P ne possiamo menzionare sicuramente una di un certo livello ovvero la batteria adattiva che aiuterà l’utente a risparmiare autonomia grazie a preziosi automatismi legati al sistema operativo e la luminosità adattiva anch’essa rivolta al risparmio energetico consentendo al dispositivo di adattare la luminosità dello schermo in base all’ambiente che ci circonda.

Per lo sviluppo di alcune funzioni di Android P, abbiamo collaborato con DeepMind per la creazione di Adaptive Battery, che privilegia la carica della batteria solo per le app e i servizi che utilizzi di più, per aiutarti a spremere al massimo la batteria. Abbiamo anche utilizzato l’apprendimento automatico per creare Adaptive Brightness, che consetirà al sistema di regolare la luminosità in base all’ambiente circostante…

queste sono state le parole di Sameer Samat, VP Product Management di Android

Un altra funzione interessante integrata in Android P sarà App Actions che consentirà, grazie all’intelligenza artificiale, di pianificare meglio le attività giornaliere per esempio: quando collegheremo gli auricolari al nostro smartphone o al nostro tablet, ci verranno presentate delle azioni possibili legate all’ascolto musicale.

Android P Google

Arriva anche un nuovo sistema per attivare il multitasking decisamente molto simile a quello presentato da Apple in occasione del lancio del nuovo iPhone X. Anche su Android, ora, si potrà attivare il multitasking con uno swipe dal basso verso l’alto e scorrere le “schede” aperte facendole scorrere a sinistra e a destra, proprio come avviene attualmente su iOS. Molto simile anche la piccola “tacca” presente nella parte bassa che indica la possibilità di utilizzare una gestures.

Android P Google IO

Oltre a queste, ovviamente saranno introdotte molte altre nuove funzioni volte a migliorare l’utilizzo del nostro dispositivo: ad esempio un nuova funzione “Do not disturb” più intelligente, un App Timer che consentirà di limitare a tempo l’utilizzo su determinate applicazioni oppure la nuova Dashboard che ci aiuterà a combattere la dipendenza da smartphone o tablet con consigli sull’utilizzo del dispositivo e monitorazzazione dei tempi di utilizzo dello stesso. Infine saranno introdotti anche nuovi sistemi per rendere Android P più sicuro legati a DNS, TLS e backup crittografati.

Per godere di tutte queste nuove funzionalità, Google ha annunciato che già dalla giornata di ieri, la versione Beta di Android P sarà disponibile per tutti sugli smartphone Pixel, Pixel 2, Pixel XL e Pixel XL 2, nonché su un numero limitato di altri smartphone quali:

Sony, OnePlus, Xiaomi, Nokia, Oppo, Vivo e Essential, inclusi il Nokia 7 Plus, Essential PH-1, Sony Xperia XZ2, Xiaomi Mi Mix 2S, Oppo R15 Pro e Vivo X21.

 

Fateci sapere nei commenti, se siete interessati a provare le nuove funzioni richiedendo la versione Beta e diteci cosa ne pensate delle nuove features introdotte!

Se desiderate ricevere aggiornamenti su questa ed altre notizie, potete iscrivervi alla nostra NewsLetter tramite la pagina iniziale del sito e consultare il nostro canale YouTube per vedere le ultime recensioni dei prodotti.

 

 

 

Android P
SE DESIDERATE RICEVERE AGGIORNAMENTI SU QUESTA ED ALTRE NOTIZIE, POTETE ISCRIVERVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER TRAMITE LA PAGINA INIZIALE DEL SITO E CONSULTARE IL NOSTRO CANALE YOUTUBE PER VEDERE LE ULTIME RECENSIONI DEI PRODOTTI.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.