Acer Trade in: Innovazione e Risparmio per il mondo Business

Acer Trade In

Acer presenta l’attività di Trade in rivolta a tutti i professionisti e alle piccole e medie aziende.

L’iniziativa prevede per il cliente o la piccola media azienda con Partita IVA l’acquisto presso gli Acer Synergy Partner dei prodotti Acer della promozione, a propria scelta tra un nuovo notebook TravelMate o desktop Veriton con sistema operativo Windows Pro.

Restituendo per la rottamazione il proprio PC usato, il cliente potrà usufruire della possibilità di ricevere un rimborso fino a € 200.

L’iniziativa Trade In sarà valida sino al 31 ottobre 2019.

Acer Trade In TravelMate X5

Il prodotto di punta della promozione è il sottile e leggero TravelMate X5, progettato per i professionisti che necessitano di un prodotto resistente e allo stesso tempo elegante, capace di supportare pesanti carichi di lavoro e frequenti viaggi.

Il TravelMate X5 vanta una scocca di alta qualità, pesa solo 980 grammi e ha uno spessore di soli 14,99 mm, che semplifica il trasporto in una ventiquattrore.

Oltre a garantire prestazioni eccellenti, offre funzionalità di produttività e potenti feature di protezione per mantenere i dati al sicuro.

Infatti il supporto enterprise TPM 2.0 garantisce la protezione attraverso l’autenticazione. Attivando Windows Hello tramite il lettore di impronte digitali integrato si accede direttamente al dispositivo in modo semplice e sicuro con impronta digitale.

Trade In

Come tutti i prodotti professionali, anche il TravelMate X5 fa parte del Programma Acer Reliability Promise che prevede il rimborso del 100% sul prezzo di acquisto qualora il prodotto venisse riparato in garanzia entro il primo anno.

Cliccando su QUESTO LINK si trovano tutte le informazioni dettagliate sulla promozione con l’elenco dei prodotti coinvolti e i Synergy Partner presso cui acquistare.

Xiaomi Mi Band 4 arriverà a fine Giugno a meno di 40€

Mi Band 4

AGGIORNAMENTO del 12 Giugno:

Mi Band 4 arriverà in Italia il 26 Giugno con un prezzo di 34,99 euro e potrà essere acquistata tramite il sito ufficiale , negli store fisici Xiaomi, Amazon e presso la catena Unieuro.


E’ stato presentato ufficialmente in Cina, il nuovo indossabile di casa Xiaomi, il Mi Band 4.

Vengono confermate molte delle notizie che vi abbiamo anticipato ieri in questo articolo ma tra le novità interessanti rimane la conferma di un prezzo molto aggressivo.

Mi Band 4

Mi Band 4 verrà commercializzato con un prezzo intorno ai 25 dollari, tasse escluse, che nel nostro paese si potrebbe tradurrebbe in circa 20-22 euro.

La versione con NFC potrebbe costare intorno ai 30 euro e dovrebbe arrivare anche una variante “Avengers Limited Edition” con un prezzo di circa 45 euro.

Mi Band 4

Decisamente interessanti anche le notizie riguardanti l’autonomia che, stando a quanto riportato dalla stessa Xiaomi, sarebbe pari a 20 giorni di utilizzo grazie ad un nuova batteria da 135mAH.

Oltre al Bluetooth 5.0 sono presenti anche un sensore a 6 assi per il rilevamento del movimento e delle attività, tra cui anche il sonno e uno schermo AMOLED a colori da 0,95″ con risoluzione 120×240 pixel e 16.000 coloriche garantirebbe un ottima visibilità sotto la luce del sole.

CARATTERISTICHE TECNICHE

  • Display: AMOLED da 0,95″ con risoluzione 120 x 240 pixel, 400 nits di luminosità, vetro curvo 2.5D anti graffio
  • Batteria: da 135 mAh (125 mAh NFC): 20 giorni di utilizzo stimato nella variante standard / 15 giorni per la versione con NFC
  • Peso: 22,1g / 22,.2g (NFC)
  • Visualizzazione orario, passi, frequenza cardiaca, attività, meteo, notifiche da app, chiamate
  • Microfono integrato per assistente vocale
  • Possibilità di monitorare attività fitness e sonno
  • Accelerometro a tre assi + giroscopio a tre assi
  • Resistenza all’acqua fino a 5 ATM (50 metri)
  • Connettività Bluetooth 5.0 LE, NFC (opzionale)

Attendiamo nuove conferme su disponibilità nel nostro paese e sui prezzi ufficiali.

Mi Band 4 arriverà domani – Presentazione Ufficiale in Cina

Mi Band 4

Mi Band 4 arriverà domani, in una presentazione ufficiale in Cina. La nuova smartband di Xiaomi avrà uno schermo OLED a colori e molte nuove funzioni rispetto alla precedente versione.

Mi Band 4

Il nuovo display permetterà un ottima visuale anche sotto la luce piena del sole, proprio in quelle circostanze dove i precedenti modelli, lasciavano a desiderare.

Non ci sarà più il tradizionale pulsante nella parte inferiore del dispositivo, sotto il display che viene ora sostituito da un semplice sensore touch.

Migliorerà anche l’autonomia durante le attività di fitness, grazie ad una batteria da 135 mAh.

Potrebbero essere presentate ben due versioni della nuova smartband: una con il sensore NFC e l’altra in una versione “base” con un prezzo decisamente aggressivo.

Inoltre, da quanto riportato negli ultimi rumors, ci potrebbe essere l’inserimento di un sensore elettrocardiografico (ECG) e una connessione Bluetooth 5.0.

Mi Band 4

Arriveranno sicuramente nuove ed inedite colorazioni (forse fino a 6) per i cinturini e probabilmente anche qualche nuovo auricolare Bluetooth da abbinare ad essi.

Ovviamente Mi Band 4 sarà compatibile sia con Android che con iOS grazie all’app dedicata.

Insomma, non ci resta che attendere la giornata di domani dove scopriremo sicuramente qualche novità in più. Nel frattempo potete dare un occhiata alle offerte relative alla Mi Band 3 , dove trovate maggiori informazioni sul sito ufficiale.

Galaxy Note 10 ancora foto e Nuovi Rumors

Galaxy Note 10

Manca davvero poco al lancio del nuovo Samsung Galaxy Note 10 e nella giornata odierna spuntano nuove foto e nuove conferme di quella che potrebbe essere la scheda tecnica del nuovo top di Samsung.

  • Display: 6.75″ AMOLED curvo – (90hz) QHD+ HDR
  • Processore: Snapdragon 855 / Exynos 9820
  • RAM: 8/12 GB
  • ROM: 128/256/512/1TB
  • Fotocamera principale: Quad-camera (ToF 3D Depth)
  • Fotocamera frontale: 16 megapixel posizionata nel foro centrale del display
  • Batteria: 4500mAh con Ricarica ultra-rapida a 45W
Galaxy Note 10

Queste immagini di una probabile versione PRO, provengono da /Leaks un famoso portale che racchiude tutte i rumors e le notizie “calde” relative alla tecnologia in generale.

Come già anticipato nelle settimane scorse, sembrano essere confermate le 3 fotocamere nella parte posteriore per la versione normale mentre per la Pro potrebbero esserci addirittura 4 obiettivi, compreso un sensore ToF.

Galaxy Note 10 Pro sarà grande, non solo in termini di display ma anche di dimensioni: 162,3 x 77,4 x 7,9-8,5 mm con un peso che sarà compreso tra i 190 e i 200 grammi.

Per quanto riguarda invece il display, siamo di fronte ad un AMOLED da ben 6.75 pollici che potrebbe, per la prima volta in Samsung, disporre di un refresh-rate a 90Hz come già lanciato da OnePlus 7 Pro.

Samsung Galaxy Note 10

La fotocamera anteriore del nuovo Note 10 invece manterrebbe la linea sposata da Samsung, con il foro nel display ma questa volta con una posizione centrale.

Il processore quasi sicuramente dovrebbe essere l’Exynos 9820 per quanto riguarda il nostro paese mentre per il resto del mondo, verrebbe adottato lo Snapdragon 855.

Ram da 8 a 12 GB e memoria di archiviazione fino a 1TB con la possibilità di espansione tramite microSD card.

Scompaiono invece il jack audio da 3.5mm (probabilmente ci saranno cuffie bluetooth all’interno della confezione) e il tasto laterale per richiamare Bixby, che potrebbe essere integrato nel display.

Il nuovo Galaxy Note 10 potrebbe arrivare tra il mese di Agosto e inizio Settembre ad un prezzo quasi sicuramente superiore ai 1000 euro per la versione “base” con 8GB/128GB.

Quattro probabili colorazioni: Nero, Silver/White, Blu e Oro.

iOS 13 è finalmente Realtà! Tutte le Novità del WWDC 2019

iOS 13 WWDC2019

Dopo tante settimane di attesa e tanti rumors e anteprime apparse sul web, iOS 13 è finalmente realtà e oggi a San Josè in California sono arrivate moltissime novità.

Il WWDC 2019 è l’evento dedicato agli sviluppatori che Apple presenta tutti gli anni nel mese di Giugno e dove vengono ufficializzate le novità legate ai suoi sistemi operativi.

watchOS 6

Si parte con il sistema operativo dedicato all’indossabile della casa di Cupertino.

watchOS 6 nasce con l’intento di rendere totalmente indipendenti i prossimi Apple Watch.

A partire dal nuovo Apple Store dedicato alle applicazioni che si potranno installare sullo smartwatch senza dover passare tramite il nostro iPhone.

watchOS 6

Potremo infatti scaricare le app direttamente sul nostro Apple Watch, potremo vedere dell’anteprime di esse proprio come succede su iPhone e su iOS.

Apple Watch con il nuovo watchOS 6 ora potrà disporre di una calcolatrice interna, di un memo vocale e di audio libri , sempre a portata di polso!

Viene aggiornata anche l’app per le attività : arriva Activity Trends ovvero un intera app dedicata alle nostre attività con grafici, statistiche e dati della nostra attività settimanale.

Arrivano nuovi ed interessanti quadranti con nuove complicazioni tra le quali troviamo il sistema per misurare i suoni provenienti dall’esterno e rappresentarli graficamente sul nostro Apple Watch.

iOS 13

iOS 13 è totalmente nuovo. Non cambiano le icone di sistema come si era pensato qualche mese fa ma vengono leggermente ridisegnate su alcune app native.

L’85% degli utenti Apple, ad oggi, utilizza iOS 12.

Il nuovo iOS 13 sarà fino al 30% più veloce sullo sblocco con il FaceID e gli update saranno fino al 60% più piccoli rispetto ad iOS 12. Le app saranno in grado di aprirsi 2 volte più veloci rispetto all’attuale sistema operativo.

Dark Mode

Partiamo dalla novità più interessante: la Dark Mode.

Questa oltre che ad essere una novità estetica, agevolerà notevolmente i dispositivi dotati di display OLED come iPhone X e iPhone XS/XS Max. La nuova modalità scura si adatta perfettamente a tutto il sistema operativo iOS 13, come era già avvenuto in passato per macOS Mojave.

Performance

Viene introdotta una nuova funzionalità alla tastiera che ora potrà essere utilizzata con lo swipe come avviene

Promemoria

L’app Promemoria di iOS 13 cambia decisamente volto. Viene totalmente ridisegnata e vengono aggiunte diverse nuove funzionalità.

iOS 13

Promemoria di iOS 13 è ora molto più strutturata , potremo aggiungere dei tag, impostare delle posizioni e creare delle sotto attività.

Mappe

iOS 13

Mappe viene completamente ridisegnata e grazie ad una nuova mappatura. Ora sarà molto più dettagliata la navigazione ed entro fine 2019 verrà completamente mappato tutto il territorio statunitense.

Viene introdotta anche una nuova modalità 3D Street view con la quale sarà possibile esplorare le strade di tutto il mondo in modalità “passeggiata” interagendo con bar, ristoranti, locali, ecc..

Mail

Mail è anch’essa, totalmente, nuova. Finalmente ora si possono personalizzare i font, la dimensione del carattere e la formattazione. Ma sarà possibile anche filtrare i messaggi nella Posta in Arrivo e personalizzare i gruppi di email.

Inoltre viene ridisegnato il menù della condivisione, più ricco ed intuitivo.

Note

Si aggiorna anche l’app Note introducendo un nuovo pannello per la gestione degli strumenti il quale è possibile posizionarlo anche in verticale oppure ridurlo a icona.

Emoji & MeMoji

iOS 13

Le Emoji si arricchiscono; ora il nostro avatar sarà ultra personalizzabile grazie all’introduzione di accessori, trucco, occhiali, pirsing e del tipo di acconciatura.

Potremo addirittura personalizzare il nostro sorriso o aggiungere tatuaggi al nostro volto.

Il tutto sarà poi ovviamente condivisibile con tutte le app native di iOS 13 anche con la modalità “Stickers“.

Siri e Audio Sharing

Ora all’arrivo di un SMS Siri sarà in grado di leggerlo automaticamente permettendoci in tempo reale di rispondere al messaggio, semplicemente tramite le nostre AirPods.

iOS 13 Siri

Per quanto riguarda l’audio, potremo condividere in tempo reale la canzone che stiamo ascoltando con i nostri amici e con i nostri dispositivi, a patto che entrambe le persone utilizzino Apple Music con un abbonamento mensile.

Siri diventa più intelligente e grazie al Neural Text to Speach (TTS) la sua voce diventa decisamente più naturale e la pronuncia “più umana” e simile ad un persona.

Foto

L’app foto migliora ulteriormente. Ora finalmente ci sarà un editor foto integrato per poter personalizzare tutti gli aspetti delle nostre foto e dei nostri video.

Finalmente si potranno ruotare i video e correggere in tempo reale l’esposizione e i filtri su di essi!

L’album cambia totalmente grafica e diventa molto interattivo e più semplice da usare. Al suo interno le live photo, i video, i timelapse, prendono vita durante la navigazione all’interno dell’album.

Sicurezza & Privacy

iOS 13

Con iOS 13 viene introdotta la funzionalità “Sign in with Apple”, simile a quella già vista nei log-in che sfruttano, ad esempio, i social network.

In questo caso però, Apple farà affidamento sul Face ID, per dare al tutto un maggior livello di sicurezza.

iPadOS

Ma un altra fantastica novità riguarda iPad. Arriva iPadOS

iPadOS iOS13

Sarà un sistema operativo dedicato al tablet di Apple. Ora si possono visualizzare i widget nella schermata home, di fianco alle icone di iOS.

Nuove gestures: pinch to zoom e zoom out permetteranno di copiare ed incollare una porzione di testo che ora potrà essere selezionata solamente con uno swipe sopra di essa.

Con uno swipe a tre dita da destra verso sinistra si potrà annullare l’ultima operazione, al contrario si potrà ripristinare.

Ora iPad potrà disporre di iCloud in chiave macOS ovvero la gestione dei file migliora notevolmente con nuove visualizzazioni in modalità colonna e con la possibilità di vedere le informazioni relative agli stessi documenti.

iOS 13 iPadOS

Inoltre sarà possibile creare e gestire delle cartelle condivise con iPhone e Mac.

Migliora notevolmente anche la gestione del multitasking infatti ora potremo aprire contemporaneamente due versioni della stessa app sulla stessa schermata.

In pratica potremo utilizzare due documenti contemporaneamente di Note, Word, Excel o qualsiasi altra app.

Grazie al nuovo motore che spingerà iPadOS, la latenza di Apple Pencil diminuisce sensibilmente passando dagli attuali 20ms a soli 9ms !

Safari adotta un nuovo “Download Manager” con il quale sarà possibile gestire e scaricare i file direttamente dal web e, finalmente, gestirli sul nostro iPad come sul Mac.

macOS 10.15 Catalina

Addio ad iTunes. Il nuovo macOS 10.15 Catalina abbandonerà il tanto amato e odiato iTunes.

Adesso ci saranno 3 app dedicate a Musica, Podcast e TV. Saranno separate e potranno interagire direttamente con il Finder di macOS

Sidecar: iPad ora potrà essere utilizzato come schermo supplementare o secondario al nostro Mac, tramite connessione Wi-fi.

Project Catalyst invece sarà un nuovo motore di sviluppo che consentirà agli sviluppatori di rendere compatibile, con estrema semplicità, un’applicazione per iPhone e iPad anche con il Mac e renderla disponibile nel Mac App Store, oltre che nell’App Store di iOS.

tvOS 13

Ora tvOS supporterà i controller di Xbox e PS4 ! Si potranno utilizzare direttamente sulla nostra Apple TV con un l’app dedicata “Apple Arcade” che arriverà come servizio Cloud Gaming quest’autunno.

tvOS 13

Una delle novità più interessanti è certamente la possibilità di utilizzare più profili utente sulla stessa Apple TV: non solo contenuti personalizzati sulla base dei propri interessi, ma anche brani suggeriti su Apple Music pensati in base ai gusti del singolo utente. 

iOS 13, watchOS 6, iPadOS, tvOS 13 e macOS Catalina saranno disponibili da subito per gli sviluppatori iscritti al programma Apple.

La prima beta pubblica (escluso watchOS 6) arriverà nel mese di Luglio.

Tutti i sistemi operativi saranno rilasciati in versione ufficiale a fine settembre. Potete trovare maggiori informazioni tramite il sito ufficiale Apple.

Petzval Art Lens di Lomography – Classe e Qualità

Petzval

Cari amici della fotografia analogica e partner della stampa, siamo entusiasti di presentare il nuovo Petzval 55 mm f/1.7 – il Primo Petzval Art Lens Lomography

Il nuovo obiettivo è espressamente progettato per le fotocamere full-frame mirrorless.

Petzval Lomography

Il primo Petzval Art Lens progettato per Mirrorless

Disponibile in alluminio nero anodizzato, in finitura satinata o in ottone rivestito in nero, viene fornito con montature standard per Canon RF, Nikon Z e Sony E.

Bokeh o No Bokeh

Il Petzval 55 mm f/1.7 è caratterizzato da un’ottica che lo rende perfetto per raggiungere una limpidezza cristallina e il suo caratteristico vorticoso effetto bokeh.

Il design migliorato, con un’apertura massima di f/1.7, consente di ottenere immagini fortemente contrastanti ad aperture minime, ma offre anche un restituzione quasi pittorica con quelle massime.

Petzval Lomography

Per un controllo ancora maggiore, abbiamo aggiunto un dedicato anello di controllo del bokeh che ne consente la regolazione in sette livelli.

Libertà creativa con il Dual Aperture System

L’obiettivo regala la massima libertà, non solo per la velocità e versatilità della regolazione continua della ghiera del diaframma, ma anche perché è possibile integrare speciali piastre di apertura con il Waterhouse Aperture System.

Petzval Lomography

I piatti di apertura, inclusi con l’obiettivo, rendono possibili diverse forme di bokeh per aumentare la creatività.

Il nuovo favorito dei Filmmaker : Sempre più diffusa la scelta di utilizzare una mirrorless come macchina fotografica per realizzare, si è riconosciuta la necessità di rendere il Petzval 55 mm f/1.7 versatile e adattabile per i cineasti come mai prima d’ora.

Con la rinnovata ghiera di messa a fuoco a lungo raggio e una regolazione continua della ghiera del diaframma, ora puoi regolare perfettamente la messa a fuoco e f-stop mentre la fotocamera è in movimento.

Petzval Lomography

Il nuovo Petzval 55 mm f/1.7 è già disponibile per il pre-ordine con prezzi a partire da 399 euro.

Consegna stimata:
Il Petzval 55 mm f/1.7 in alluminio nero anodizzato: Luglio 2019
Il Petzval 55 mm f/1.7 in ottone e in ottone rivestito nero: Agosto 2019

Potete trovare maggiori informazioni consultando il sito ufficiale  mentre qui di seguito trovate alcune immagini scattate con l’uso di questo obiettivo.

Redmi K20 un nuovo smartphone che sfida i top

Redmi sembra non fermarsi più e dopo il Redmi 7 e il Note 7 arriverà anche il Redmi K20.

Prevista per il 28 Maggio la presentazione ufficiale del nuovo flagship di Redmi by Xiaomi.

Redmi K20

L’evento avrà come location Beijing in Cina dove verrà lanciato il nuovo smartphone in tutto il mondo.

Inizialmente previsto solo per il mercato cinese, arriverà anche in Europa verso il mese di giugno.

Dalle prime informazioni trapelate da foto ufficiali, si conferma la presenza di un processore Qualcomm Snapdragon 730.

La memoria RAM sarà con tagli da 4 a 6 GB mentre la memoria di archiviazione a partire da 64 GB.

Batteria da 4000 mAh con ricarica rapida e Indisplay fingerprint per lo sblocco del dispositivo.

Redmi K20

Fotocamera con sensore principale da 48 Megapixel e due altri sensori probabilmente da 16 e 2 Megapixel (grandangolare e profondità di campo).

Nota positiva anche per quanto riguarda il prezzo: sotto i 500€ quasi sicuramente, forse anche sotto i 450€.

Sarà prevista anche una versione PRO di Redmi K20, con display e batteria maggiorate e processore più potente.Redmi K20

Non ci resta che attendere il prossimo martedì per scoprire ulteriori dettagli .

Huawei : è la fine o l’inizio di una nuova era?

La notizia di Huawei e la rottura con Google sta rimbalzando per tutto il web.

Secondo la Reuters Google avrebbe deciso, dopo la mossa di Trump, di revocare la licenza Android a Huawei.

 

A questo punto la casa cinese non disporrebbe più dell’accesso ad aggiornamenti, patch di sicurezza e app.

Questo riguarderebbe ovviamente anche il nostro paese.

Se la notizia verrebbe confermata, Huawei potrebbe utilizzare solo la versione AOSP di Android.

Ciò significa : niente più aggiornamenti di sicurezza , niente più Major Update e probabilmente niente più Play Store.

Secondo Reuters comunque, Google sarebbe ancora in fase di approvazione per togliere la disponibilità a Huawei.

Resta il fatto che gli attuali smartphone Huawei potrebbero perdere l’accesso immediato a tutti gli aggiornamenti di Android.

Inoltre va detto che anche Intel e Qualcomm non forniranno più i microprocessori a Huawei .

Questo sarebbe un ulteriore colpo per la casa che sarebbe costretta a prodursi autonomamente i processori per i propri smartphone e tablet.

Non ci resta altro che aspettare nuove conferme e non appena ci saranno novità in merito ve lo faremo sapere!

 

Huawei

Osmo Action : Dji lancia la sfida a GoPro 7

Dji Osmo Action

Viene ufficialmente presentata oggi la nuova Dji Osmo Action, una action cam nata per l’avventura ma soprattutto per lanciare una sfida alla GoPro 7.

La nuova action cam di Dji porta interessanti novità nell’ambito video adventure.

Dji Osmo Action

Il nuovo dispositivo presenta una obiettivo con lente grandangolare, sporgente e protetto da un vetro frrontale e da una ghiera che si può svitare permettendo di adattare un filtro o sostituirla con un alternativa.

Dji Osmo Action

La scocca è completamente in plastica ma di ottima qualità con alcuni inserti in gomma per proteggerla da eventuali urti.

La Dji Osmo Action colpisce subito per una caratteristica piuttosto unica, la presenza di due display: una frontale per vedersi durante le riprese e l’altro posteriore per interagire con il sistema grazie al multitouch.

Il display frontale è un LCD a colori (non touch) a differenza di GoPro che ne presenta uno in bianco e nero e necessario solo per vedere il tempo della registrazione e la batteria residua.

In questo caso invece potremo vedere un anteprima in tempo reale, di quello che stiamo registrando appurandone qualità e corretta inquadratura.

Nella parte alta troviamo due pulsanti fisici utili per l’accensione della Osmo Action e per attivare o disattivare il display, consentendo un netto risparmio di batteria.

Ne troviamo anche un terzo, sul bordo della action cam che consente di cambiare la modalità di scatto o ripresa, selezionando tra video in 4K, slow motion, foto, foto panoramica, ecc…

E’ anche possibile registrare video slow motion fino a 8X con risoluzione 1080p a 240fps.

Al di sotto del tasto di selezione, protetto da uno sportellino in gomma, troviamo l’ingresso per la microSD e l’ingresso Type C per ricarica e connessione al PC/Mac.

Dji

Il display posteriore è controllabile tramite le gestures, con uno swipe dall’alto verso il basso ad esempio attiviamo il menù delle impostazioni mentre da sinistra verso destra visualizziamo foto e video presenti sulla microSD.

Osmo Action è protetta anche da molta gomma perché è resistente all’acqua fino ad una profondità di 11 metri (per immersioni superiori occore la custodia subacquea).

Dji Osmo Action

La Dji Osmo Action è in grado di registrare video fino ad una risoluzione di 4K a 60fps con stabilizzazione elettronica grazie anche ad accelerometro e giroscopio, con supporto all’HDR.

L’app per controllarla anche dallo smartphone è la stessa di Osmo Pocket, l’innovativa action cam che abbiamo provato qualche mese fa (video recensione).

Dji Osmo Action è disponibile all’acquisto tramite il sito ufficiale ad un prezzo non proprio entry level ma decisamente concorrenziale con la GoPro 7: 379 euro.

Speriamo di poterla provare presto e perché no, speriamo di poterla confrontare la GoPro e capire se realmente può vincere la sfida.

OnePlus 7 e 7 Pro presentati Ufficialmente a Londra

OnePlus 7

Oggi alle ore 17 (italiane) a Londra sono stati presentati i nuovi OnePlus 7, si perché le versioni lanciate sul mercato per questo 2019 sono ben due.

Power, Speed, Smoothness and You – sono i quattro aggettivi per descrivere la nuova versione di uno smartphone che è ormai divenuto iconico nel mondo tecnologico.

OnePlus 7

Partiamo dalla versione “base” ovvero OnePlus 7.

Mantiene un design simile a quello di OnePlus 6T, rimane il piccolo notch nella parte alta dello schermo ma migliorano nuovamente le prestazioni grazie ad un nuovo processore e 6 oppure 8GB di RAM come sulla precedente versione.

Arriva anche un nuova memoria di archiviazione più veloce grazie al UFS 3.0 e grazie a un tagli di memoria da 128 e 256 GB.

Arriva l’audio stereo con il supporto al Dolby Atmos che renderà l’esperienza di gioco più convolgente e unica.

OnePlus 7

La nuova fotocamera posteriore adotta lo stesso sensore da 48 Megapixel utilizzato su OnePlus 7 Pro e viene associato ad un secondo sensore da 5 Megapixel per ricreare l’effetto profondità.

OnePlus 7

CARATTERISTICHE TECNICHE

  • Dimensioni e Peso: 157.7 x 74.8 x 8.2 mm – peso 182 grammi
  • Display: Optic AMOLED 6,41” FHD+ (risoluzione 1080 x 2340 pixels, 416 ppi)
  • Processore: Qualcomm SnapDragon 855
  • RAM: 6/8 GB
  • ROM: 128/256GB (non espandibile)
  • Sicurezza: Lettore delle impronte digitali InDisplay + Riconosc. Volto Biometrico
  • Fotocamera Frontale: 16 MP, f/2.0, 25mm (wide), 1/3.1″, 1.0µm
  • Fotocamera Posteriore: 48 MP, f/1.7, 1/2″, 0.8µm, PDAF, OIS + 5 Megapixel f/2.4
  • Batteria: 3700mAh con Warp Charge (30W)
OnePlus 7

Grazie alla nuova interfaccia Oxygen OS ed una ottimizzazione della memoria RAM, OnePlus 7 appare ancora più veloce e performante rispetto al modello 6T.

Disponibilità e prezzi:

OnePlus 7 sarà disponibile in preordine da domani 15 maggio a partire dalle ore 11:00 con le seguenti versioni e prezzi:

  • Mirror Gray 6GB RAM + 128GB Storage : € 559
  • Mirror Gray 8GB RAM + 256GB Storage : € 609

OnePlus 7 Pro

OnePlus 7 Pro è invece una versione totalmente nuova e, in parte, anche innovativa.

OnePlus 7 Pro

CARATTERISTICHE TECNICHE

  • Dimensioni e Peso: 162.6 x 76 x 8.8 mm – peso 206 grammi
  • Display: Fluid AMOLED 6,67” FHD+ HDR10+ (risoluzione 1440 x 3120 pixels, 516 ppi) – 90Hz
  • Format Factor: 19,5:9
  • Processore: Qualcomm SnapDragon 855
  • RAM: 6/8/12 GB LPDDR4X
  • ROM: 128/256GB UFS 3.0 (non espandibile)
  • Sicurezza: Lettore delle impronte digitali InDisplay + Riconosc. Volto Biometrico
  • Fotocamera Frontale (a scomparsa): 16 MP, f/2.0, 25mm (wide), 1/3.1″, 1.0µm
  • Fotocamera Posteriore (Tripla): 48 MP, f/1.6, 1/2″, 0.8µm, Laser/PDAF, OIS + 16 MP, f/2.2, 14mm (ultrawide) + 8 MP, f/2.4, 78mm (telephoto), 3x zoom, Laser/PDAF, OIS
  • Batteria: 4000mAh con Warp Charge (30W)
  • Connettività: Dual Sim, Wifi 2.4G/5G a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.0, 4G LTE (anche in versione 5G), NFC
  • Audio: Dual Stereo – Dolby Atmos
  • Connessioni: Type-C 3.1

OnePlus 7 Pro ha lo stesso processore e la stessa memoria RAM del fratello minore, con la differenza che si può scegliere la versione “ultra-fast” che dispone di ben 12 GB di RAM !

Il display appare completamente senza cornici, scompare il notch dalla parte alta e la fotocamera anteriore diventa a scomparsa.

Il display è totalmente nuovo, un AMOLED da 6.67 pollici con una risoluzione incredibile di 1440 x 3120 pixels a 516 ppi e un refresh rate di 90Hz.

Il tutto permette al sistema operativo (Android 9 con la nuova interfaccia Oxygen OS) di presentarsi fluido come non mai.

Se prima avevamo potenza da vendere, ora abbiamo anche un incredibile fluidità che lo renderà quasi unico nel suo genere.

La Fotocamera posteriore ha ora 3 obiettivi: il principale da 48 Megapixel di produzione Sony, seguito da un grandangolare da 16 Megapixel e uno da 8 Megapixel capace di effettuare zoom ottico fino a 3X.

Grazie al supporto Nighscape 2.0, all’intelligenza artificiale e ad una apertura f/1.6 , anche le foto in assenza di luce avranno un valore aggiunto.

La batteria scende a 4000 mAh ma guadagna un incredibile velocità di ricarica, chiamata Warp Charge , il 34% più veloce di OnePlus 6T e in grado di ricaricare il dispositivo in appena 20 minuti.

Arriva anche l’audio stereo con il supporto del Dolby Atmos, che rende OnePlus 7 Pro uno smartphone con una qualità sonora incredibile.

OnePlus 7 Pro, sarà disponibile in preordine da domani 15 Maggio a partire dalle ore 11:00.

Ecco le versioni e i prezzi:

  • Mirror Gray 6GB RAM + 128GB Storage : € 709
  • Mirror Gray 8GB RAM + 256GB Storage : € 759
  • Nebula Blue 8GB RAM + 256GB Storage : € 759
  • Nebula Blu 12GB RAM + 256GB Storage : € 829
  • Almond 8GB RAM + 256GB Storage : € 759

Potete trovare maggiori informazioni consultando il sito ufficiale di OnePlus a questo indirizzo.