Photoshop CC è in arrivo con iPadOS

Photoshop CC per iPad era stato anticipato durante il Keynote Apple nel quale veniva presentato il nuovo iPad Pro, nel settembre 2018.

A distanza di un anno, Adobe sembra aver terminato la fase “alpha” e il nuovo Photoshop è finalmente entrato nella fase beta.

Photoshop CC

Una fase beta che riguarda però, un gruppo di utenti più ampio rispetto a quello “ristretto” e riservato della prima release.

Adobe non ha ancora ufficializzato la data di lancio di Photoshop CC per iPad ma una data molto plausibile potrebbe essere quella di iniziò novembre, in occasione dell’evento Adobe MAX.

Per gli utenti Photoshop, la versione per iPad potrebbe diventare veramente in occasione di svolta e un nuovo modo di concepire l’elaborazione delle immagini da tablet.

Photoshop CC iPad

Grazie al schermo touch di iPad Pro, infatti, l’utente potrà mettere letteralmente le mani sul progetto con una precisione mai provata prima.

Il nuovo Photoshop permetterà di lavorare con livelli bitmap, maschere, pennelli e di sfruttare la potenza della Color Correction

Proprio come avviene nella versione desktop.

Inoltre si potrà contare sulla sincronizzazione di Adobe creative cloud che consentirà di lavorare sui file PSD direttamente online , avendoli sincronizzati tra desktop e mobile.

Da sottintendere quindi che Photoshop CC farà parte di un abbonamento (l’ennesimo) Adobe o comunque potrà essere “noleggiato” mensilmente.

Non ci resta quindi che attendere l’annuncio ufficiale, che con tutta probabilità avverrà nel prossimo Keynote Apple di Settembre.

5G e Guida Autonoma : in Cina la Prima Consegna

5G

La tecnologia 5G è alle porte ed è in grado di offrire una connettività superveloce e stabile utilizzabile anche per molte attività quotidiane tra le quale i trasporti.

L’argomento guida autonoma è stato ultimamente associato spesso al 5G ma il problema attuale è che per legge (e per prudenza), è necessario che alla guida di un veicolo sia presente una persona in carne ed ossa.

“Dobbiamo considerare quanto tempo ci vuole perché il messaggio venga trasmesso dai sensori al computer dell’auto, e poi quanto tempo ci vuole perché il computer prenda una decisione: questo dovrebbe accadere in 2 millisecondi “

ha dichiarato Jane Rygaard, CEO di Nokia

La velocità della connessione dati è indispensabile per un veicolo, in caso di pericolo l’auto deve fermarsi immediatamente e per questo sono necessari segnali ad alta frequenza.

5G

Tutto ciò vale per l’Occidente ma non per la Cina.

In questi giorni infatti, nella provincia orientale di Jiangsu, sono partite le prime consegne di merci con auto 5G senza conducente, guidate unicamente da un computer.

Non si tratta esattamente di auto bensì di mini-furgoni a guida autonoma e dotati di tecnologia wireless 5G.

Prima Consegna

Questi mini veicoli sono altri circa mezzo metro da terra ed hanno sembianze simili a cassonetti con le ruote. Sono stati lanciati da Suning Logistics per sostenere le vendite e consegne dell’azienda.

5G veicolo consegne

La prima consegna è avvenuta il 19 agosto, tramite un ordine effettuato da un cellulare di un cliente dell’azienda.

Nell’arco di 5 min, la consegna delle bevande ordinate è stata recapitata inviando successivamente una notifica sullo smartphone dell’avvenuto recapito.

Quando il cliente ha ricevuto il suo ordine, il mezzo gli ha inviato un messaggio vocale:

“Ciao. Ricordati di sentire la mia mancanza”

Secondo il direttore della Suning Logistics, Ling Yunfei, il veicolo è in grado di sostenere una velocità media di 8 km/h arrivando ad un picco di 15 km/h, rispettando precedenze e fermandosi ai semafori rossi.

Yunfei ha poi aggiunto che il veicolo è in grado di rilevare ed evitare ostacoli a 100 metri di distanza.

Il tutto sotto la supervisione di un responsabile d’ufficio in grado di controllare lo stato di efficenza del veicolo e segnalarne eventuali anomalie; esso può poi assumerne il controllo manuale in qualsiasi istante.

5G e Guida Autonoma in USA

Negli Stati Uniti d’America, a cavallo di ferragosto, il colosso della logistica UPS ha siglato un accordo con la startup TuSimple per il trasporto di merci tra Phoenix e Tucson su camion dotati di guida autonoma.

5G UPS TuSimple

TuSimple è una startup americana con sede centrale a San Diego ed è supportata a sua volta da colossi come Nvidia e dalla cinese Sina e aveva già gestito con successo il Servizio Postale degli Stati Uniti.

L’azienda utilizza autocarri Navistar equipaggiati con la propria tecnologia di autoguida, basata su nove telecamere e una coppia di sensori Lidar (una tecnica di rilevamento basata sull’utilizzo di impulsi laser).

“TuSimple sta aiutando Ups a comprendere meglio i requisiti per il livello 4 di autotrasporto autonomo nella sua rete”

dichiarano i vertici dell’azienda, aggiungendo che il livello 4 si riferisce alla piena autonomia in una determinata area geografica.

Da sottolineare infine, che tra le aziende che lavorano su autotrasporti autonomi troviamo anche Amazon, Google, Kodiak, Waymo e Daimler mentre Uber ha chiuso i suoi programmi di test la scorsa estate dopo un grave incidente che ha coinvolto un Suv autoguidato.

Bose presenta le nuove Cuffie Wireless Noise Cancelling 700

Bose Noise Cancelling 700

Nella giornata di oggi, Bose presenta al mondo la sua ultima creazione nel mondo delle cuffie wireless. Si tratta delle Noise Cancelling 700 che dispongono della prima piattaforma AR audio nel suo genere.

Bose Noise Cancelling 700

Cancellazione del Rumore per Eccellenza

Il suo pregio in termini di riduzione del rumore è dovuto alla presenza di 4 microfoni, in grado di captare e isolare la tua voce contemporaneamente alla riduzione dei rumori ambientali.

La riduzione del rumore è personalizzabile fino a 11 livelli , consentendoti di escludere gradualmente le fonti di distrazioni presenti intorno a te.

Il padiglione destro delle nuove Bose Noise Cancelling 700 dispone di una superficie touch con la quale è possibile mettere in pausa la traccia musicale oppure gestire il volume o le telefonate ricevute.

Grazie ad un design studiato nei minimi dettagli e ad un peso di soli 250 grammi, l’esperienza di ascolto sarà imparagonabile e unica.

Connessioni e batteria

Con il Bluetooth 5.0 poi, la connessione è ultra stabile e garantisce una portata del segnale fino a 10 m. La batteria integrata invece è capace di portare un autonomia fino a 20 ore di ascolto.

Presente anche una connessione USB-C per la ricarica, stimata in circa 2,5 ore .

Bose

Premendo poi il pulsante sul padiglione destro, le Bose Noise Cancelling 700 sono in grado di interfacciarsi e supportare gli assistenti vocali Google Assistant e Amazon Alexa.

Bose AR

Le Noise Cancelling 700 supportano Bose AR e grazie a questa tecnologia, dispongono di sensori di movimento integrati che rilevano la posizione della testa e i movimenti del corpo mentre le indossi. 

Le app con funzionalità Bose AR utilizzano queste informazioni in congiunzione con la posizione rilevata dal tuo smartphone/tablet per offrirti contenuti audio su misura in base al luogo in cui ti trovi e per ciò che stai facendo.

Le nuove cuffie Bose sono disponibili già da oggi con un prezzo consigliato di 399,95 euro e sono acquistabili tramite il sito ufficiale a questo indirizzo.

Sono disponibili in due colorazioni, grigio argento e nero.

Apple Music ora supportato da Amazon Alexa

Apple Music e Alexa saranno presto gemellati… A breve tutti gli assistenti vocali di Amazon saranno in grado di riprodurre musica dal servizio di Apple.

Negli stati uniti questa funzione è disponibile già da tempo ma fino ad oggi in Italia non veniva supportata.

Attualmente il servizio è in fase di roll out ed arriverà pian piano su tutti gli account Amazon.

Sarà quindi possibile usufruire dell’abbonamento Apple Music su tutti i dispositivi Echo di Amazon.

Per attivare la nuova funzione sarà sufficiente entrare nel menu impostazioni dell’App Alexa e sotto la voce musica selezionare Apple Music.

Non appena avremo la conferma di aver ricevuto il servizio Sui nostri dispositivi te lo faremo sapere!